Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.
logo-tuttogelato-web.png
tg-logo-mid.png

Tutto sul Gelato:
Cultura, Amore & More...

Tutto sul Gelato:
Cultura, Amore & More...

Tutto sul Gelato:
Cultura, Amore & More...

SFOGLIA LA RIVISTA

SFOGLIA LA RIVISTA

Nuova linea di pozzetti firmata Frigomeccanica

A glicole o ventilati, i pozzetti firmati Frigomeccanica assicurano igiene ed elevate prestazioni

 

A glicole o ventilati, i pozzetti di Frigomeccanica rappresentano una scelta di eccellenza. Glamour e hi-tech al tempo stesso, i due modelli sono interamente realizzati in acciaio inox per garantire un livello di igiene più elevato ed anche prestazioni di refrigerazione superiori. Entrambi hanno uno spessore dell’isolamento vasca di 70 mm; mentre è il poliuretano espanso ad assicurare un miglior isolamento termico e consentire, al contempo, un importante risparmio sia energetico che economico.

I pozzetti gelato di Frigomeccanica sono dotati di serpentine di raffreddamento in rame senza giunture, evitando così problemi di dispersione; sono alimentati da motori interni oppure in remoto e questo aspetto può essere personalizzato ulteriormente scegliendo un tipo di motore tropicalizzato, particolarmente indicato negli ambienti molto caldi. Infine, sono presenti carapine con sistema antirotazione.

Entrambi i pozzetti a glicole e ventilati possono essere utilizzati a temperature negative, per gelato o per granite, con temperature da -6°C a -18°C, con i sistemi che garantiscono minima differenza di temperatura tra la carapina superiore e quella di riserva.

“Le gelaterie non sono tutte uguali e per questo ognuna necessita di una diversa tipologia di pozzetto o vetrina –, spiega Enzo Di Serafino, direttore commerciale di Frigomeccanica -. Il nostro team ha, quindi, lavorato per sviluppare caratteristiche di adattabilità che consentono ai nostri impianti conservatori di integrarsi con efficacia in qualsiasi gelateria o bar”.

Per i pozzetti a glicole come per quelli ventilati, Frigomeccanica offre modelli a incasso e non, a mono o a doppia fila, con riserva e senza.

 

A glicole o ventilati? Quale scegliere?

Il pozzetto a glicole, dovendo raffreddare una considerevole massa di liquido, necessita di circa 10/12 ore per raggiungere la temperatura di esercizio, dopodichè il mantenimento della temperatura richiede pochissima energia ed in caso di mancanza di elettricità, la conservazione del gelato è assicurata per parecchie ore grazie all’inerzia termica della massa di liquido. Solitamente un pozzetto a glicole viene acceso ad inizio stagione e spento alla fine, pertanto è consigliato per uso continuo.

Il pozzetto ventilato richiede poco tempo e poca energia iniziale per raggiungere la temperatura d’esercizio, che è di circa 30/40 minuti; poi per tenere costante la temperatura richiederà accensioni più frequenti del motore ed in caso di mancanza di energia elettrica avrà meno autonomia del pozzetto a glicole. Il pozzetto ventilato è consigliato per uso discontinuo o dove si lavora a giorni o ad orari alterni.

Potrete richiedere la consulenza dello staff tecnico di Frigomeccanica ed avere un supporto durante tutta la fase decisionale, progettuale e di installazione del pozzetto o della vetrina gelato.

 

www.frigomeccanica.com

 

Letto 151 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Copyright © - 1998-2019 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010 | Privacy