Investire in formazione

Una richiesta forte e costante che conferma l’interesse per il gelato da attuarsi in una sfaccettata offerta formativa necessariamente online, strutturata in più forme. Ci spiega come e perché Kaori Ito, responsabile di Carpigiani Gelato University

 

 

“Nel nostro settore, pur assistendo a un calo fisiologico delle presenze, se si prende in esame anche il breve periodo come quello fra settembre e novembre, sommando i dati, si nota che, rispetto allo stesso periodo del 2019, il numero delle iscrizioni in presenza e a distanza ai corsi di gelateria della Carpigiani Gelato University è raddoppiato, dato valido sia a livello nazionale che internazionale”. Risponde così Kaori Ito, responsabile da 10 anni di Carpigiani Gelato University, alla domanda che ha aperto la nostra diretta del 1° dicembre su Instagram: come si chiude questo anno formativo alla luce di lockdown, ripresa e richiusura? Lo stesso positivo riscontro si coglie passando in rassegna le varie opzioni formative come il nuovo “Corso Base di Gelateria online di 5 giorni”, che può essere completato con il corso Intermedio e l’Avanzato. È avvenuto, ad esempio, che su 100 partecipanti al corso base la metà ha proseguito perché entusiasta dei contenuti appresi. Fino a pochi anni fa la richiesta si concentrava sulle tecniche di bilanciamento e di ricettazione, ora si vogliono sperimentare nuovi prodotti e nuovi servizi. Mi riferisco a corsi innovativi realizzati grazie a collaborazioni con altri settori, come gelato e caffetteria, gelato e mixology”.

 

Nuove tecniche di insegnamento e coinvolgimento

Una delle novità di rilievo è rappresentata – ci racconta Kaori - dalle differenti forme di insegnamento volte a soddisfare le richieste in arrivo da ogni parte del mondo. “Causa Covid-19, i corsi in presenza hanno avuto e avranno numeri limitati, per questo vengono proposti corsi registrati o in livestreaming, modalità molto richiesta dove i corsisti possono crearsi un’aula virtuale e dialogare con il docente e i compagni di classe con la chat. Ciò ha implicato una riorganizzazione della modalità di svolgimento del corso per gestire le interazioni tra corsisti e tra questi e il docente. In precedenza il corso era tenuto da un insegnante affiancato da un assistente di laboratorio; ora, per ogni corso è stata introdotta la figura del tutor che si occupa della piattaforma, risponde ai commenti alle chat o decide di passarle al docente e gestisce le richieste di un gruppo di whatsapp per una maggiore interazione orizzontale fra i corsisti e coinvolgerli in modo stimolante. Il corso online – sostiene la nostra intervistata - non dev’essere vissuto in forma passiva. A inizio corso ognuno si presenta, utilizza la telecamera, espone il proprio progetto da realizzare grazie alla formazione, così l’iniziativa formativa diventa esperienziale".
"Tra settembre e ottobre abbiamo creato anche una classe ibrida: reale con 10 posti premium con una postazione individuale per l’esercitazione pratica, e virtuale in cui, con lo stesso docente, gli altri seguivano da remoto, attraverso uno schermo, mentre in un altro i partecipanti in presenza vedevano i compagni lontani. Questo è un format che diverrà permanente perché ci sarà sempre qualcuno che non potrà venire di persona e si avvarrà di questa modalità”.

 

Nuovi temi, nuove sfide

In tema di cambiamenti, anche gli argomenti si sono aggiornati, passando dalla scelta di corsi sulle tecniche di bilanciamento e di ricettazione a quella di sperimentare novità, il soft ice cream nelle sue forme più nuove come quelle in coppa, ad esempio, fino all’intento di apprendere a fornire vari servizi, come strutturare la consegna a domicilio o la gestione del negozio per controllarne i costi.
“La sfida su tutti i fronti, formativi come fieristici, si giocherà – conclude Kaori – sulla capacità di diversificare l’offerta e personalizzarla su misura, sulla selettività degli inviti e sul saper gestire tutti i vari canali e opzioni. Questo sarà realizzabile grazie a un team consolidato e flessibile, in grado di acquisire nuove competenze e di capire che tipo di organizzazione occorre creare per soddisfare le richieste in arrivo da tutto il mondo”. Non è certo un caso che in questo momento alla CGU sia raddoppiato il numero di persone che si occupano della formazione. 

                                                                                                                                    Emanuela Balestrino

Letto 100 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Copyright © - 1998-2021 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010 | Privacy

Chiriotti DEM Popup